FAQ

FAQ è l'acronimo di Frequently Asked Questions, ovvero le domande più chieste dai nostri clienti. Qui trovate una lista delle domande con le risposte più frequenti, non esitate a contattarci per maggiori informazioni.

  • 01. Che cos'è la vetroresina?

    La vetroresina è un materiale composito costituito da una matrice di resina poliestere rinforzata con fibra di vetro. L'unione di questi due materiali consente di ottenere buone proprietà meccaniche unite ad un'elevata resistenza chimica.

  • 02. Che cos'è il gelcoat?

    Il gelcoat è la copertura esterna del laminato; ha uno spessore di circa 300 micron ed è costituito da una resina poliestere fortemente pigmentata. Conferisce al laminato un gradevole aspetto estetico, facilità di pulizia, elevata resistenza chimica e garantisce l'idoneità per usi alimentari.

    Il gelcoat è steso tramite delle tramogge e lo spessore varia da 300 a 350 micron. Visto lo spessore ed il tipo di lavorazione (manuale) non si può garantire una tolleranza sullo spessore del gelcoat. L’unica cosa che si può garantire è che mediamente nel rotolo siano distribuiti 450 g/m2 di gelcoat.

  • 03. Di che colore sono i laminati?

    Il colore standard dei nostri laminati è bianco puro (ottenuto con biossido di titanio come unico pigmento) simile al colore RAL 9010; tuttavia i laminati prodotti da Vetroresina possono essere realizzati in diversi colori RAL ed anche in tinte personalizzate.

  • 04. È possibile verniciare i laminati?

    Si, i laminati con gelcoat possono essere verniciati, utilizzando normali vernici da carrozzeria. Prima di verniciare il materiale è necessario preparare la superficie, carteggiando con carta abrasiva di varia grana e applicando successivamente un fondo turapori.

  • 05. E’ possibile riparare la vetroresina?

    Sì, i laminati con gelcoat prodotti da Vetroresina S.p.A. possono essere riparati verniciando il materiale con vernici tradizionali (poliuretaniche, acrilice, ecc), applicando uno strato di gelcoat per riparazioni, oppure uno stucco lucidabile a base di resina poliestere.

    Per maggiori informazioni scaricate la Guida sulle riparazioni di Vetroresina in PDF.

  • 06. Che cos'è il GLOSS?

    Il gloss è un parametro utilizzato per indicare il grado di brillantezza dei laminati, letteralmente significa infatti lucentezza e viene misurato misurato con appositi strumenti chiamati glossimetri.

  • 07. Qual'è il GLOSS del laminati?

    Il gloss dei laminati dipende dallo stampo utilizzato. Vetroresina è in grado di fornire prodotti brillanti (con gloss tra 85 e 95) o opachi (con gloss tra 15 e 20).

  • 08. Come si puliscono i laminati in vetroresina?

    Nella maggior parte dei casi è sufficiente lavare con acqua e sapone. Per eliminare macchie più difficili (unto, colla, ecc) si possono utilizzare senza problemi diversi solventi (esempio acetone) vista la resistenza del rivestimento in gelcoat.

  • 09. Qual'è il peso specifico della vetroresina?

    Il peso specifico dipende dal contenuto di vetro che nei prodotti Vetroresina è molto alto. Può variare da 1,3 g/cm3 (prodotti sottili con basso contenuto di vetro) fino a 1,6 g/cm3 (prodotti spessi con alto contenuto di vetro). Il VETROLITE ha un peso specifico molto basso pari a circa 1,1 g/cm3.

  • 10. La vetroresina è resistente al fuoco?

    I laminati standard prodotti dalla VETRORESINA S.p.A. sono costituiti da fibra di vetro e resina non autoestinguente che può essere classificata come un materiale infiammabile di classe C assimilabile pertanto, nel suo comportamento al fuoco, a materiali tipo legno carta ecc. Il potere calorifico medio della resina poliestere si aggira attorno ai 18,8 - 30,1 MJ/Kg. La fibra di vetro non è un materiale infiammabile.

    Vetroresina realizza anche una particolare gamma di Laminati Fire Resistant (FR) certificati secondo le principali norme europee con differente grado di resistenza al fuoco.

  • 11. Qual è il range di temperature di utilizzo dei laminati?

    I laminati in vetroresina resistono a temperature comprese tra i –30°C e i +70°C, anche se è opportuno che la manipolazione e l’utilizzo avvengano dopo un periodo di condizionamento a temperatura ambiente (20-30°C).

  • 12. Cos’è la HDT?

    La Heat Deflection Temperature (HDT) è la temperatura alla quale viene raggiunto un determinato ammontare di deflessione (tipicamente 0.25mm) in corrispondenza di un determinato carico applicato (0.45MPa o 1.8MPa). Normalmente la prova viene eseguita fissando il campione alle due estremità con una distanza tra gli appoggi pari a 102 mm ed il peso concentrato al centro.
    La misura viene iniziata a bassa temperatura e la temperatura viene aumentata di 2°C/min. Quando la deflessione al centro del campione raggiunge gli 0,25mm la temperatura viene registrata.

    Sono numerosi i fattori che possono far variare questo valore, soprattutto: lo spessore del prodotto, il carico applicato alle diverse temperature, il metodo di fabbricazione e le condizioni in cui il materiale viene applicato. Per questa ragione è spesso difficile trarre conclusioni sulle performance durante l’utilizzo dei materiali a partire dal valore dell’HDT, infatti se si aumenta il carico la deformazione avviene a temperature inferiori.
    L’HDT della resina utilizzata per la produzione dei nostri laminati è di 80 °C.

  • 13. Quali sono i principali difetti o anomalie che è possibile riscontrare sui laminati? Quali sono le cause?

    Vetroresina S.p.A. mette a disposizione dei propri Clienti un Catalogo delle anomalie principali per agevolarne l'interpretazione e la comprensione. Il metodo di produzione utilizzato da Vetroresina (processo discontinuo) può comportare una minima percentuale di imperfezioni.

    Nel caso le anomalie riscontrate fossero di rilevante entità Vi preghiamo volercele segnalare seguendo la normale procedura reclami esistente.